Ingrid Muccitella alla gravina di Castellaneta

Linea Verde alla scoperta delle gravine e tipicità

La nostra terra è particolarmente amata anche dai media, come abbiamo visto in una puntata precedente di Linea Verde, programma itinerante di Rai Uno attento al territorio.

Questa volta i conduttori nella versione della domenica: Beppe Convertini, Ingrid Muccitelli e Giuseppe Calabrese nella puntata intitolata: Taranto: dalle gravine alle lame passano da Gioia del Colle e dalle terre solcate dalle spettacolari gravine naturali come Castellaneta, città nota anche per aver dato i natali al divo del cinema Rodolfo Valentino cui è dedicato un museo nella stessa città. Le gravine erano letti di antichi fiumi che nei loro anfratti hanno ospitato anche abitazioni umane, come avvenuto a Matera, Capitale della Cultura 2019.

A Castellaneta si visitano anche i sotterranei, veri luoghi segreti e un mondo a parte per chi li usava.

Si raggiungono  le località di mare di Pino di Lenne e Chiatona che vantano il miglior pesce di zona.

Si arriva a Taranto, con vista al Castello Aragonese e il porto, il ponte girevole con i due Mari ma anche l’oasi faunistica dell’Isola di San Pietro.

Non mancano le dimostrazioni delle coltivazioni del territorio: melograni, clementine, con una visita all’agrumeto di Palagiano, uliveti e vigne da cui derivano vini come il Primitivo, Negroamaro, Fiano e una Malvasia antica, recuperata dall’estinzione. Vini certificati di qualità che fanno la differenza rispetto alle grandi produzioni. Letteralmente il piatto forte è fatto dalle tipicità gastronomiche come fave con le cicorie, la mozzarella, cime di rapa, panzerotti e gli involtini di interiora chiamati:gnemeridde.

Bei posti da visitare nei vostri giri turistici e culturali  e se avete bisogno di ristorarvi e riposare potete venire a trovarci per dormire in una delle nostre stanze o prenotare gustosi pranzi o cene.

Su Raiplay è possibile vedere la puntata intera di Linea Verde: Taranto: dalle gravine alle lame

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *